Chiamaci allo 045 54 97 42

Progettazione integrata

Progettazione integrata

Progettazione integrata

Lo studio progetta interventi di nuova costruzione e di ristrutturazione secondo i criteri del risparmio energetico e della sostenibilità utilizzando software tridimensionali che permettono anche la visione del progetto in 3D, con i necessari fotorender illustrativi. Il benessere e l'interior design sono gli elementi fondanti. Lo studio si occupa della progettazione della residenza, del recupero e della riqualificazione edilizia in un ottica di sostenibilità ambientale.
  •  Progettazione preliminare mediante lo studio delle esigenze del Committente;
 •  Progettazione definitiva, esecutiva integrata mediante il processo BIM (Building Information Modeling), coordinando la progettazione architettonica bioclimatica a quella strutturale, degli impianti, dell'interior design;
  •  Computi metrici, Preventivi; 

  •  Direzione e Contabilità dei lavori;
  •  Sicurezza del cantiere.

Coordinamento sicurezza

Piano di Sicurezza e Coordinamento

Redazione del PSC. Il Piano di Sicurezza e Coordinamento (P.S.C.) è il documento che il coordinatore per la progettazione, su incarico del committente, deve redigere prima che vengano iniziate le attività lavorative in un cantiere edile, ai sensi dell'art.100 del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro (D. Lgs. 81/2008) ed i cui contenuti minimi sono riportati nell'allegato XV del predetto Testo Unico. Obiettivo del PSC è quello di descrivere le fasi operative che verranno svolte nel cantiere, individuare tutte le eventuali fasi critiche del processo di costruzione quindi prescrivere tutte le azioni atte a prevenire o ridurre i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori. Redazione del fascicolo adattato alle caratteristiche dell’opera, contenente le informazioni utili ai fini della prevenzione e della protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, tenendo conto delle specifiche norme di buona tecnica e delle norme vigenti. Si devono indicare: “La descrizione sintetica dell’opera e l’indicazione dei soggetti coinvolti,  l’individuazione dei rischi, delle misure preventive e protettive in dotazione dell’opera e di quelle ausiliarie, per gli interventi successivi prevedibili sull’opera, quali le manutenzioni ordinarie e straordinarie, nonché per gli altri interventi successivi già previsti o programmati“.

Coordinatore in fase di esecuzione

Il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione o anche detto coordinatore in materia di sicurezza e salute durante la realizzazione dell’opera è la figura professionale definita dal punto f) del comma 1 dell’Articolo 89 del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro. In questo modo: Coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la realizzazione dell’opera, di seguito denominato coordinatore per l’esecuzione dei lavori: soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell’esecuzione dei compiti di cui all’articolo 92, che non può essere il datore di lavoro delle imprese affidatarie ed esecutrici o un suo dipendente o il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) da lui designato. 

Direzione dei lavori

Il direttore dei lavori è la figura professionale scelta dal committente con lo scopo di seguire l'andamento regolare del cantiere.

I compiti del direttore dei lavori sono molteplici e sono:

1 . Principalmente ha il ruolo di dirigere una o più persone (l'impresa) nell'esecuzione delle opere finalizzate a realizzare un progetto preventivamente approvato dal committente e dalla Pubblica Amministrazione, se soggetto a norme di legge vigenti;

2 . La redazione degli Stati di Avanzamento dei Lavori (SAL) o, se redatti dall'impresa costruttrice, il controllo e l'avallo di questi ultimi. Nei lavori privati le mansioni eventualmente svolte dal direttore dei lavori nel controllo dei SAL possono essere di natura quantitativa (computi delle opere eseguite) e non di natura finanziaria (accordi privati che possono essere riservati a committente - impresa costruttrice).

Nei lavori privati, inoltre, salvo che non venga specificatamente contemplata nella lettera d'incarico, la rendicontazione e controllo dei SAL viene generalmente svolta dal committente stesso o da un suo tecnico terzo di fiducia.

3 . La vidimazione di eventuali modifiche tecniche migliorative del progetto;

4 . La verifica della corretta esecuzione dei lavori;

5 . La stesura dei verbali di riunione e di eventuali ordini di servizio;

6 . Il rilascio di eventuali certificati che possono essere quelli di corretta posa in opera, di corretta esecuzione dei lavori o altri previsti dalla legge.

 

Lo studio, con la particolare esperienza maturata nell'ambito dei lavori pubblici, è in grado di svolgere tutte queste mansioni specifiche nell'interessa del Committente.

Il computo metrico è il documento che definisce il costo di costruzione di un'opera edilizia.

Consiste in un elenco analitico e dettagliato che descrive il lavoro in grandi categorie, per esempio:

  • Lavori di scavo e movimento terra.
  • Opere strutturali.
  • Opere murarie.
  • Opere di finitura.
  • Opere in legno o in ferro.
  • Impianti tecnologici.
  • Spazi attrezzati.

Successivamente per ogni categoria si procede con l'elenco di tutte le lavorazioni quantificate in metri cubi, metri quadrati, ecc., indicando ogni prezzo unitario per ogni lavorazione.
Il prodotto fra la quantità ed il prezzo unitario definisce l'importo complessivo della singola spesa. La somma delle singole voci di spesa definisce il costo di costruzione dell'opera. 

Va detto inoltre che esistono due tipi di computo metrico:
- computo metrico preventivo: è quello che viene redatto prima dell'operazione;
- computo metrico consuntivo: è quello che viene redatto dopo l'operazione.

La corretta stesura del preventivo è la base per evitare spese inutili, per poter confrontare l'offerta dell'impresa ed il confronto con altre.
Lo studio è specializzato nella preventivazione dei costi per dare al cliente il migliore servizio al minore costo sulla base della stessa qualità di prodotto edilizio e per sfatare il detto che "gli architetti fanno spendere soldi per niente".

Render fotorealistici


Il rendering 3D è la tecnica, resa possibile dalle evoluzioni della computer grafica, che traduce le idee in immagini realistiche virtuali offrendo la possibilità di "vedere" qualsiasi cosa nella sua compiutezza, proprio come se fosse già stata realizzata.

Esso è lo strumento di collegamento tra le idee e la realtà.

I Rendering Fotorealistici più suggestivi nascono da un dialogo aperto tra il progettista e il committente, che consente di cogliere quali sono le idee e le aspirazioni di entrambi e di darne una rappresentazione grafica fedele.

I materiali, la luce e le forme sono gli elementi fondanti di ogni render. Lo studio realizza per ogni progetto il render fotografico 3D, sia degli interni, sia degli estrerni, per far comprendere meglio al cliente quale sarà la Sua casa, il Suo arredamento, il Suo giardino, oppure il progetto di restauro del suo edificio storico, delle facciate, ecc.

Back to Top